Archivio

Redazione / Certificate Journal

Doppia Barriera, doppio Bonus

UniCredit per prima inserisce la doppia barriera e contestualmente il doppio bonus all’interno della collaudata struttura dei Top Bonus, aumentandone così i connotati di flessibilità

a cura di Pierpaolo Scandurra

Prosegue senza intoppi il lento e costante cammino dell’indice di Piazza Affari verso i nuovi massimi dell’anno. Che la volatilità abbia deciso di voltare le spalle ai mercati azionari è cosa ormai nota ma snocciolando alcuni numeri la fotografia appare ancora più nitida. Nelle ultime 85 sedute di Borsa, 54 si sono concluse con il segno più e 31 con quello meno: di queste ultime, tuttavia, ben 21 ( il 67%) hanno registrato una performance minima, contenuta entro lo 0,50% di ribasso , 7 hanno segnato una variazione tra lo 0,50% e l’1% e solo in 3 casi si è avuta una chiusura negativa maggiore dell’1%. Viceversa, dei 54 segni verdi sono stati 28 ( il 51%) quelli con l’escursione più contenuta e 9 hanno fatto segnare un rialzo superiore all’1%. Complessivamente 49 giornate di Borsa si sono chiuse con una performance contenuta tra lo -0,5/0,5% e solamente in 2 casi si è andati oltre il 2% di variazione rispetto alla chiusura precedente. Un effetto soporifero che sui mercati si è propagato a tutte le latitudini e che dal 22 maggio ha prodotto fin qui, in 4 mesi, un’escursione che almeno per il listino milanese si è fermata al 5,50%. Non deve sorprendere quindi che in questo contesto le nuove emissioni di certificati siano poco generose in termini di rendimento, o con l’obiettivo di riuscire ad attirare un po’ di attenzione, siano costruite su un orizzonte temporale superiore a quello a cui ci eravamo abituati negli scorsi anni. La capacità di adattamento ai mutevoli scenari di mercato non fa difetto tuttavia agli emittenti ed è così che sono nati questa settimana degli inediti Top Bonus con doppia barriera e doppio livello di Bonus. Una novità, associata alla struttura dei Bonus Cap, che si pone come obiettivo quello di premiare maggiormente la capacità dei sottostanti di rimanere a livelli vicini a quelli di strike, pur conservando nel contempo la caratteristica difensiva della barriera più profonda per la protezione del capitale e un premio più contenuto. Tra le novità, si segnala inoltre un Express potenzialmente capace di cambiare pelle e di spostare l’asticella della protezione a scadenza dalla tenuta della barriera a una più granitica protezione incondizionata.


Ricevi ogni settimana direttamente nella tua casella di posta elettronica il Certificate Journal, l'unico prodotto editoriale interamente dedicato al mondo dei certificati! Inserisci un indirizzo email valido e procedi con la sottoscrizione: il servizio e' completamente gratuito!

Sottoscrizione gratuita