CLUB CERTIFICATES
Club Certificates è un iniziativa ideata da Certificati e Derivati in collaborazione con UniCredit Corporate & Investment Banking, dedicata all'investimento a medio termine per investitori e professionisti che puntano a diversificare le proprie strategie di investimento. Si pone come luogo d'incontro tra investitori, specialisti di prodotto ed analisti finanziari. Ti aspettiamo tutti i giorni nella sezione dedicata sul sito www.certificatiederivati.it per proporti aggiornamenti, idee operative e metterti in contatto con gli specialisti di Certificati e Derivati. Ogni mese, segui e partecipa al webinar online dedicato alla formazione e alle strategie operative, per mettere in atto le tue scelte d'investimento in maniera consapevole e profittevole.

In evidenza

RISIKO BANCARIO

Alla vigilia dei Cda delle due banche, il mercato sembra credere nel matrimonio tra la Popolare di Milano e il Banco Popolare dopo che nel fine settimana anche da fonti del Governo è giunto un incoraggiamento alla fusione.

a cura della Redazione

Palazzo Mezzanotte Milano

Una giornata di live trading e didattica fra tradizione e innovazione. Cento trader sul parterre ognuno con il proprio pc, 10 fra formatori, analisti e negoziatori in prima fila, 5 professional dealer sul palco, 3 conduttori. Apertura delle posizioni segnalate a gesti.

I posti sono esauriti per una partecipazione fisica. Per una presa diretta, segui il Webinar del Club Certificates, i principali trader presenti all' evento daranno un resoconto della loro operatività della giornata. Intervieni e fai le tue domande in diretta !

Webinar gratuito. Registrati ora

Alla vigilia dei Cda delle due banche, il mercato sembra credere nel matrimonio tra la Popolare di Milano e il Banco Popolare dopo che nel fine settimana anche da fonti del Governo è giunto un incoraggiamento alla fusione. Entrambi gli istituti guadagno oltre il 4% a Piazza Affari, dopo una settimana all’insegna dell’instabilità causata principalmente dalle indicazioni della BCE che impongono delle severe linee guida ai due Gruppi prima di procedere a un’eventuale fusione. Ma è stato proprio l’AD del Banco, in occasione dell’ultima assemblea, a distendere gli animi e alimentare le voci di un’operazione di M&A dichiarando che i due istituti sono maggiormente propensi ad accogliere le richieste di Francoforte.

La settimana inizia così con il passo giusto sul comparto bancario, in controtendenza con il resto del listino e più in generale con le piazze europee, viste tutte in calo di circa mezzo punto percentuale.

Per seguire più da vicino l’andamento della Banca Popolare di Milano, Unicredit mette a disposizione sul Cert-X un Top Bonus ( Isin DE000HV4A017) che alla scadenza del 19 settembre 2016 rimborserà un importo fisso di 114,5 euro alla sola condizione che il titolo bancario quoti a un livello non inferiore ai 0,75055 euro, diversamente un importo pari al prodotto tra la quotazione della PMI e il multiplo 113,2503.

Il certificato, in virtù dell’osservazione della barriera solo alla scadenza, prospetta un rendimento potenziale molto allettante, se si considera che sarebbe sufficiente un rialzo del 10% entro la data di valutazione finale del 18 settembre prossimo, per permettere il rimborso a Bonus con una plusvalenza del 45% rispetto ai 78,5 euro a cui oggi viene quotato. La “leva” implicita di cui si beneficia in caso di recupero della barriera, agisce peraltro solo al rialzo e non anche al ribasso, dal momento che a fronte di eventuali discese dell’azione dai valori correnti si perderà con il certificato solo lo 0,91% in più.

Per chi volesse separarsi dal settore delle Popolari, ritenendolo ancora troppo pericoloso per un’esposizione con opzione a barriera, si segnala una seconda idea di investimento legata al terzo titolo maggiormente affidabile a livello europeo, secondo i requisiti patrimoniali stabiliti dalla BCE per misurare il grado di solidità degli istituti bancari.

Il Top Bonus identificato da codice Isin DE000HV4AZU2 , è agganciato alle sorti di Intesa Sanpaolo e alla scadenza del 7 luglio 2016 rimborserà un importo fisso di 110 euro se l’ultimo prezzo di chiusura del titolo azionario alla chiusura sarà non inferiore ai 2,4869 euro della barriera, altrimenti come per la precedente emissione, si procederà al prodotto tra il livello fotografato da Intesa e il multiplo, che per questa emissione risulta di 31,7662. Quotato 88 euro sul Cert-X, a fronte dei 2,52 euro del gigante bancario torinese, il Top Bonus prospetta un rendimento potenziale di circa il 26% in poco più di un trimestre con la condizione che i corsi del titolo non subiscano un deprezzamento. In questo caso, tuttavia, lo scenario peggiore causato da una violazione della barriera a scadenza, porterà l’investitore a perdere circa il 7% in più rispetto al sottostante.

Certificati e Derivati Srl - pi 09103221009.

In relazione alla disposizione normativa che recepisce la disciplina comunitaria del "market abuse", si tiene a precisare che il responsabile dei contenuti del sito non gode di alcuna informazione privilegiata e la diffusione di analisi e notizie riguardanti titoli mobiliari e strumenti derivati e' di puro carattere informativo. Si specifica inoltre che potrebbe avere in rarissime occasioni, posizioni in essere di puro carattere simbolico al fine di definire le modalita' di negoziazione/rimborso degli strumenti analizzati in modo da non diffondere notizie non corrispondenti alla realta' dei fatti.